Il Mantova sbanda, Arezzo e Brescia non si fanno male

Negli anticipi il risultato eclatante è quello proveniente dal "Martelli"...

da Donato Giampietro
1.200

Negli anticipi il risultato eclatante è quello proveniente dal "Martelli" di Mantova dove il Vicenza fa il colpo grosso e porta a casa tre punti d'oro.
La formazione di Camolese dopo quattro stop consecutivi riesce a battere la capolista grazie alla rete di Benny Carbone.
Termina, invece, in parità tra Arezzo e Brescia.
0-0 il risultato finale al termine di una partita molto combattuta.

Commenti
64

Legenda utenti: Amministratore | Community | Ospite | Semplice

Inserisci il tuo commento

Devi aver effettuato l'accesso prima di poter commentare,

Condizioni di utilizzo Non sei registrato?

da stefano_bo

bravo

da gregor

non ci dobbiamo esaltare troppo quando si vince .... bisogna pensare che il Pescara è un squadra di mezza classifica, non di più.

da Hidalgo

vinciamo raga aspettate un po!

da solito

Come al solito appena si ricrea un minimo di entusiasmo si crolla in maniera indecente. Sarà un caso? pizzaonhead

da XXX

Cazzo, mi e' partito il messaggio di prima....vaff.....ma come si fa a farsi mettere sotto da 'sti caproni?

da XXX

Due pali del Catanzaro, un miracolo di Avramov... il culo ci protegge. Ottimo segno...

da stfeano_bo

horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny horny

da SarriTheBest

x giani: ma che hai fumato?????

da giani

1-1 ggggggggooooooooooolllllllllll
lllllll 37 cammarata

da ciao

e questa sarebbe una squadra da play-off ??? laugher laugher laugher

da ivan

managia la mignota

da DICA

ci vuole un po\' di coraggio .... CAPITO SARRIIIII??????? perplex

da MagoOronzo (NMLP)

gol del catanzaro ma vaff

da SarriTheBest

grazie x le radio!

da SarriTheBest

VAFFANCULO! pizzaonhead DANNATO CATANZARO! 0-1 cry

da Mik - belgio

Attacca solo il Catanzaro: 2 traverse piene, 1 salvamento sulla linea di Gonnella. Il Pescara riparte solo in contropiede.

da Mik - belgio

www.uscatanzaro.net

da franco canada

rairadio1 si sente la partita forza pescara

da Mik - belgio

www.uscatanzaro.net

da SarriTheBest

x XXX: Dove la senti la partita?

da XXX

Due pali del Catanzaro, un miracolo di Avramov... il culo ci protegge. Ottimo segno...

da SarriTheBest

Stadio "Dino Ceravolo" di Catanzaro - 20/09/2005 ore 20:30 CATANZARO (3-4-3): Belardi; Di Sole (20’ st Mattioli), Di Cesare, Ceccarelli; Pierotti (33’ st Zini), De Simone, Gissi, Sussi; Myrtaj (22’ st Imbriani), Corona, Rizzato. A disp.: Anania, Calzi, Miceli, Ottonello. Allenatore: Buso. PESCARA (4-2-3-1): Tardioli; Aquilanti, Gonnella, Delli Carri, Pesaresi; Luisi, Tognozzi; Vigna (30’ st Jadid), Matteini, Croce (11’ pt Gautieri); Cammarata (16’ st Zoppetti). A disp.: Aridità, Diliso, Paolucci, Triuzzi. Allenatore: Sarri. Reti: 27’ st Pesaresi (Pes, aut.). Arbitro: Preschern di Mestre.

da ale

il catanzaro ci ha battuti all'andata???ma quando???non mi ricordo qlc mi faccia luce prego,come è possibile???!!!!help! boo boo boo

da pescarese incazzato@Dam

..e pensate che stasera il maxischermo del Korsakov trasmetterà immagini meravigliose in tinte biancazzurre mentre una sontuosa bandiera sventolerà sulla testa della gente in pista,al suono della mia musica.

da ale

avete pensato che il brescia ha 2 partite in più di noi ed è sesto cn 6 punti in più...voldire che se vinciamo tt e 2 cn catanzaro e cremonese...fate un po voi.....dai dai dai dai dai

da gianluka

Prima di andare allo stadio, vorrei dire ai gufi, di parlare meno e di andare di più allo stadio a tifare!

da ??

nn te le cala' chiu' le pallet la sere ca dop n'ta r'da' la cocc!!!

da ??

lascl perd sta m'briac.....

da LASCIATELO PERDERE

MA CHI TI SI MATTIT??? E DO LI PJEM LI SOLD PE CUMBRA'JIMENEZ, PALLADINO FOGGIA E COMPAHNIA BELLA????MA CHE SI MATT'??

da Dyd

x quelli della nord : Foggia non gioca ? E' uno dei centrocampisti rivelazione della serie A, titolare fisso dell'Ascoli.

da oh

stit zitt e tifa...tutti allo stadio

da quelli della nord

SIAMO ALLE SOLITE: MA CHI CAZZO E' STO BAU??? MA IET TUTTI QUINT A FANGULO, CON STO BAU DRITTI IN C! PERCHE' NON ABBIAMO PRESO JIMENEZ O BRIENZA O PALLADINO O FOGGIA CHE NELLE LORO SQUADRE GIOCANO POCO O NIENTE??????? NO BAU CHE E' NU SCAPPATE DI CASA

da quelli della nord

SIAMO ALLE SOLITE: MA CHI CAZZO E' STO BAU??? MA IET TUTTI QUINT A FANGULO, CON STO BAU DRITTI IN C! PERCHE' NON ABBIAMO PRESO JIMENEZ O BRIENZA O PALLADINO O FOGGIA CHE NELLE LORO SQUADRE GIOCANO POCO O NIENTE??????? NO BAU CHE E' NU SCAPPATE DI CASA

da AH AH AH AH AH AH !!!!!!!!!!!!

andate qua http://uscatanzaro.net/modules
.php?name=News&file=article&si
d=8635 MA I CATANZARESI HANNO DEVUTO VERAMENTE????MAI SENTITE TANTE CAZZATE IN UNA SOLO PAGINA WEB!!!!!!! laugher laugher laugher laugher laugher laugher

da ALESSANDRO

AZZ QUINDI BAU POTREBBE ANDARE IN PANCHINA! SE ERA DISPONIBILE CROCE ADDIRITTURA ANDAVA IN TRIBUNA! PEGGIO DI QUELLO CHE PENSAVO ALLORA. AL MASSIMO BAU FARA 7/8 PARTITE IO CREDEVO UNA DECINA! CMQ OGGI VISTA L'ASSENZA DI CROCE LO FAREI GIOCARE TITOLARE

da 1123

a giorgio coò ma torna da noi cazzo!!!!! cry

da GIORGIO CORONA (ex 01-02)

STO ARRIVANDO...

da ale

era ovvio che il mantova perdeva!datemi retta finisce dietro di noi,sicuro!cmq sn preoccupato e speranzoso per oggi,qst partita e la prox col modena sn partite chiave,o dentro o fuori...

da dal sito catanzarese

03/02/2006 - 10.27.22 Giallorossi in tour: Pescara-Catanzaro In una tiepida sera della primavera del 1910 un treno a vapore squarcia il silenzio della stazione di Santa Maria Novella, e comincia il suo lungo viaggio nella notte, diretto oltr’Alpe nella magnifica Parigi. Il suo è un carico prezioso: genti d’affari, pionieri del nascente mercato europeo e, uomini di lettere, d’arte e d’armi. Tra di loro, vi era un pescarese a cui non interessava tanto raggiungere la meta, quanto lasciare al più presto l’Italia, la sua amata Italia. Gabriele D’Annunzio dopo aver pubblicato Forse che si, forse che no, abbandonava Firenze inseguito non da eserciti austriaci che non sarebbero riusciti ad incutergli alcuna paura, ma da folle di inferociti creditori che gli davano la caccia in mezza Italia. In quella stessa sera a Pescara, a pochi passi dalla casa in cui cinquanta anni prima quel viaggiatore emise i primi vagiti, nacque Ennio Flaiano e con lui, uno dei modi più intelligenti ed ironici di raccontare l’Italia e gli italiani che volevano, più in fretta possibile, rifarsi del tempo perso durante la guerra e tornare a gustare il sapore della vita. Da allora, per 28 anni, fino alla morte di D’Annunzio, questi due pescaresi così diversi, percossero contemporaneamente in lungo e il largo città amiche e nemiche; forse si sfiorarono, si scontrarono, sicuramente si temevano l’un l’altro; così mi piace pensarli. Amarono e odiarono in modi diversi la loro Pescara; servirono, ognuno con le proprie armi, la loro nazione; descrissero Italie diverse; incarnarono due diverse accezioni di “modernità”; costruirono altrettante immagini idealtipiche dell’Italiano. Le nozioni di “diversità” e di “sintesi” sono ben note alla città e al territorio di Pescara e non soltanto alle sue genti. Su di esse, Pescara ha costruito le sue forme, il suo stesso modo di essere. Raramente ho visitato città che sappiano offrire con simile generosità e orgoglio tante immagini tra di loro così differenti e nello stesso tempo così ravvicinate; tutte comunque autenticamente italiane. Per ritrovare la stessa densità di sensazioni dovremmo percorrere, forse, dall’alba al tramonto, un’intera regione. E’ un territorio che ad ogni metro ci chiede di ricalibrare continuamente i nostri sensi. Ammiriamo orizzonti ora piatti del mare, ora sinuosi e impervi delle colline che diventano montagne; lungo il porto canale sentiamo profumi e odori marini e salmastri assieme, ricercando punti di equilibrio tra mare e fiumi; con le mani sfioriamo le pareti lisce della modernità costruita in cemento armato e le pietre rugose e imperfette della diffusa antichità; ci difendiamo dai rumori del lungomare e ricerchiamo i silenzi di Sua Maestà l’Appennino; alterniamo capricciosamente i piatti di pesce con i sapori duri della terra e dei suoi pascoli. Ma ciò che mi colpisce più di tutto appena arrivo a Pescara, che ricordo con più forza quando vado via, ciò che me la rende ogni volta eccezionale è la sua normalità. La normalità di una città che è stata costretta ad essere da sempre città novissima, sacrificando la familiarità dell’antico e l’essere facilmente fotogenica propri delle città turistiche. Ha avuto il difficile compito di mostrare alle altre città cosa volesse dire essere città autenticamente moderna: non essere più rocca militare, insieme di borghi, città costiera, ma diventare, tra le prime in Italia, città metropolitatana. Pescara è una città normale che rifugge dal sensazionale, dal meraviglioso che costruisce sulle relazioni con il nord e il sud del corridoio adriatico, con l’ovest capitolino e l’est balcanico oltre mare, il proprio modo di essere continuamente città moderna. Le genti del nord qui vi ritrovano il dinamismo dell’imprenditoria, con il suo frenetico lavoro e una insolita capacità di re-inventare continuamente il modo di fare economia con l’ambiente. Le genti del sud, si sorprendono nell’osservare come abitudini e sapori a loro così cari, possano albergare anche così lontano dalle loro terre. Le genti di Roma si illudono di pensare il Gran Sasso e la Maiella come propri esclusivi possedimenti. Le genti dell’est immaginano che l’Adriatico non sia un muro d’acqua, ma un grande lago che unisce civiltà e passioni tra di loro per molto tempo distanti. A Pescara, i tifosi in trasferta comprenderanno che la ragione dell’orario d’inizio della partita delle quattro del pomeriggio non è dovuto tanto a ragioni di ordine pubblico, ma a ragioni di cucina che qui impongono sedute generose presso le numerose taverne disseminate per la città. Cantina di Jozz, via delle Caserme 61 (085.690383) e Taverna 58, corso Manthonè 58 (085.690724) sono due tra i luoghi di autentico piacere che occorre onorare prima del fischio di inizio. Sarete assaliti da sapori robusti verso cui è bene non opporre alcuna resistenza. Trascurata a lungo, la cucina abruzzese è stata recentemente oggetto di giusta rivalutazione da parte di gastronomi e buongustai con la riscoperta di prodotti e sapori tipici. La pasta, punto di forza della gastronomia regionale, rigorosamente impastata e tagliata a mano con farina di grano duro, a seconda delle diverse forme in cui viene realizzata, si presta a succulenti abbinamenti, dai sughi di agnello, alle minestre di legumi, dai brodi ai piatti mantecati con la ricotta e zafferano (piatto detto "alla pecorara"). Come in tutte le terre di tradizione pastorale, la carne ha un ruolo fondamentale nella gastronomia abruzzese. Particolarmente diffusi sono l'agnello e il castrato (maschio adulto della pecora), cotti sulla brace o al forno, insieme agli arrosticini, sottilissimi spiedini di carne ovina cotti sul fuoco a legna o sulla carbonella. Anche le frattaglie dell'agnello vengono utilizzate nella preparazione della "coratella", tipico antipasto locale. Nelle preparazioni casalinghe tradizionali, di dolci meritano di essere citati i "nocci ntorrati", mandorle tostate ricoperte di zucchero, la cicerchiata, la pizza dolce, le ferratelle, croccanti cialde che si realizzano con il tipico ferro da apporre sul fuoco. Da bere? Montepulciano D’Abbruzzo e Trebbiano. Naturalmente! Autore: Alessandro Alì e Nicola Fiorita Stampa questo articolo Segnala questo articolo via e-mail Partite in programma - - - - - - Squadra P

da repubblica.it

Il sogno del Pescara di riprendere il treno per i play-off passa attraverso l'ostacolo Catanzaro. Un ostacolo non insormontabile ma che potrebbe rivelarsi più alto del previsto dopo le ultime due settimane di cura Giordano. Per saltarlo Sarri si affiderà al consolidato trio Croce-Bonfiglio-Jadid, chiamato a supportare l'unica punta a Cammarata.

da maupr76

"sArri"vem' e'cAzz a vustr.lazio merda.BUBU VIVE NEI NOSTRI CUORI E NELLA SUA CURVA

da niente cazzate

oggi no X no 2 Solo e soltanto 1....dobbiamo lottare adesso, raggiungere i punti salvezza e sfruttare le squadre alla nostra portata..non lasciamoci intimorire dal catanzaro ke ha 16 punti...ci tokkeranno Brescia Torino Mantova Atalanta e altre big che a fine campionato lotteranno come delle assatanate...orA o mAi piu ahah

da previsioni

6 punti... e sabato prossimo a verona in 400...

da da parma

qualcuno sa dove si può seguire la partita?? su RAISPORTSAT cosa danno?

da gianluka

Tutti allo stadio, porca miseria!

da gruppo anti pugliese

ultras pe

da Mik-belgio

Anche da qui... "forza pescara!!" sta partita non è importante, è inportantissima!! zitto zitto siamo li, bravo Sarri a mantenere la calma parlando di salvezza, anche se il pensierino ce l'avrà anche lui!

da alex_085

venite a lù stadije. tand a la fin stem sempr nù!

da qdn

se oggi vinciamo, starò così contento che stasera non penso alla fica... è nu pò difficile, comunque sempre forza pescara

da jmfwepà

l'arezzo è gemmelata col chieti??? laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher laugher

da MagoOronzo (nin m'arcord la password)

Oggi vinciamo 2-0 (cammarata-jadid) Comunque, organizzato l'autobus dell'ARPA per andare allo stadio come quello nelle foto dei tifosi..... laugher laugher

da Cascella900

Uagliù siamo potenzialmente a 6 punti dal Mantova.....ki non viene oggi allo stadio non ci dovrebbe venire più! NON LI VOGLIAMO DOPO!!!! FORZA PESCARA

da piscaris

sarei davvero contento ke il gol della vittoria lo segnasse camma gol...dopo tutto quello ke ha passato a cacanzaro una piccola vendetta sarebbe l'ideale...

da raga

arpijem l'arezzo (gemellato coi chitini) pss!!!

da WillyRancitelli!

E poi il Mantova non ancora arriva ai famosi 50 punti della quota salvezza! Tutto può succedere! eyed

da indianino

dai ke se oggi vinciamo ci mettiamo a -3 dal brescia con 1 partita in meno!!! tutti allo stadio cazzo!!!!!!!!!!!!!!

da eh si willy

l'importante e ke ci andiamo noi!!! per quanti riguardava il sondaggio del gol piu bello...a me è piaciuto anke il gol di palladini contro il martina franca...stavo in curva sud a 4m dall'azione goooool ahah ahah ahah

da WillyRancitelli!

Come ho scritto il 21/12 dopo la prima sconfitta del Mantova ad opera nostra... Quella è stata una partita che rimarrà nella storia di questo campionato!!! Infatti da allora il Mantova si sta svegliando bruscamente dal suo sogno!! Eh, eh, eh! ahah Secondfo me non ci vanno in A!

da ohhhh

Se vinciamo giuro cazzo ke al primo bar che vado offro da bere a tutti!!!! pss

da ok

fuori brescia e mantova!!! Arezzo scoppia alla fine...NOI ROMPIAMO IL CULO A TUTTI!!!! VAI RAGAZZI....ANDATE E VINCETE!!!!!!!!!!!!!

da umba

gnà sta croce? passat la frev?

da secondo

il mantova sta a fà sempre più caca

da x walter mezzi

oggi andiamo allo stadio con la SPERANZA ke il magico pescara vince e spero ke SARRIK faccia qlke scelta MATTA x riuscire a disintegrare la difesa del catanzaro viva walter mezzi!!!!! cartman

da pescarese esiliato..

prima grande Vicenza Oggi bisogna VINCERE Forza Ragazzi