Sebastiani: ''Quarantena di squadra assurda. Chiarisco su Montesilvano''

Il presidente del Pescara ha parlato della ripartenza e dell'idea di prendere in gestione lo stadio di Montesilvano in un'intervista a Rete 8.

da Redazione
3.979
Sebastiani: ''Quarantena di squadra assurda. Chiarisco su Montesilvano'', foto 1

Daniele Sebastiani ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Massimo Profeta (Rete 8) affrontando non solo le questioni legate alla ripartenza, ma anche quelle legate allo Stadio di Montesilvano di cui si è parlato nei giorni scorsi.
Il presidente biancazzurro si è mostrato molto critico nei confronti dell'ipotesi di quarantena obbligatoria per tutta la squadra in caso di un solo positivo: "Non mi risulta che in caso di positività di un dipendente di un supermercato si chiuda tutto il supermercato. È una misura che serve a poco, i calciatori saranno controllati giornalmente. Inoltre se poi girano l'Italia per giocare è un controsenso. Il protocollo va alleggerito, altrimenti fanno fatica anche le squadre di Serie A, figuriamoci quelle di B. Il calcio non si può giocare come vorrebbe qualcuno, fa ridere". 
Il Pescara, però, è già pronto per ripartire. Da domani ci sarà il via libera agli allenamenti di gruppo, mentre quelli individuali sono già iniziati da tempo: "Noi siamo pronti - ha proseguito Sebastiani - essere ottimisti è il minimo. Ripartire significa avere meno problemi e perdite contenute. Sarebbe fare il bene del calcio".
Come riportato nei giorni scorsi, il Pescara pensa anche ad ampliare il proprio patrimonio e, di concerto con l'amministrazione comunale di Montesilvano, si sta ragionando sull'ipotesi gestione dello stadio "Mastrangelo". I dettagli sono stati illustrati dall'assessore Alessandro Pompei, ma ulteriori chiarimenti arrivano proprio dal presidente del Delfino che ha risposto alle polemiche dei consiglieri del M5S di Montesilvano Paola Ballarini e Gabriele Straccini: "Ho letto cose non giuste, polemiche gratuite fatte da personaggi che dovrebbero avere più conoscenza dei fatti. Noi abbiamo ricevuto un invito da parte dell'amministrazione di Montesilvano a presentare un progetto per avere questa gestione dello stadio. Una volontà che nasce dagli elevati costi che tutte le amministrazioni comunali devono sostenere per gestire questi impianti. Va sistemato e ristrutturato, per poi essere usato per gli allenamenti della prima squadra e le partite della Primavera. Il Comune ha messo in atto una procedura, ci sarà un bando e non è detto che il Pescara se lo aggiudicherà. Non c'è stato nessun tipo di impegno, né da parte nostra né da parte loro. Quello che mi dispiace di più è che queste persone hanno sostenuto che il Pescara sarebbe moroso nei confronti del Comune di Pescara per i canoni dello Stadio Adriatico. Cosa falsa: noi abbiamo sempre pagato tutto, solo in un anno no abbiamo compensato il costo del canone con dei lavori che abbiamo fatto al posto del Comune che non aveva fondi per realizzarli. Ogni partita la paghiamo sempre in anticipo. Hanno detto che per noi sarebbe un affare: con i soldi che servono per mettere a posto Montesilvano, di campi ne potrei fare due. Il vantaggio sarebbe solo quello di avere una struttura che già esiste, ma da mettere a posto. Va bene farsi pubblicità, ma bisogna accendere il cervello prima di parlare". 
Il dubbio sorto immediatamente dopo la notizia dell'interesse sullo Stadio di Montesilvano, e cioè quello relativo al destino di Poggio degli Ulivi, trova risposta: "Resta a totale disposizione. Non è stato possibile acquisirlo perché la struttura ha delle criticità documentali che il Pescara sta mettendo a posto. Alla fine di questo iter ci accolleremo il leasing, come già previsto dagli accordi con De Cecco. Il campo di Montesilvano è qualcosa in più perché per fare calcio ci vogliono le strutture". 
Infine, Daniele Sebastiani chiude parlando del finale di stagione e del futuro di Legrottaglie: "È il Pescara che deve giocarsi tutto in queste dieci partite. Non Legrottaglie. Lui è il nostro allenatore e lo rimarrà senza nessun problema, risponde ai requisiti di cui parlavo nei giorni scorsi. Non è in discussione. Se farà bene in queste partite perché dovrei cambiare? Se invece farà male si vedrà".

Commenti
6

Legenda utenti: Amministratore | Community | Ospite | Semplice

Inserisci il tuo commento

Devi aver effettuato l'accesso prima di poter commentare,

Condizioni di utilizzo Non sei registrato?

da nonnocanguro

LE GROTTAGLIE: "La serie A riprenderà sicuramente, così come la B se il protocollo diventerà meno rigido, quello attuale non credo che sia inattuabile." Se NON credi che quello attuale sia INATTUABILE allora, in italiano,, significa che è attuabile dal momento che la doppia negazione AFFERMA. O è un errore di battitura?

da Andreuzza

Porca miseria, sono tornato su questo sito dopo 2 mesi e ci sono ancora tifosi che criticano Sebastiani, questo è un bene o un male?siete tifosi veri o gufi veri?però non dite che la colpa del virus è di Sebastiani. Saluti e Forza Pescara!

da pedrorodriguez

la filosofia di lavoro di pinocchio è davvero stupefacente ed assolutamente inusuale, in pratica tra qualche tempo potrebbe non avere nemmeno un giocatore di proprietà ma in compenso essere titolare di quasi tutte le strutture calcistiche (stadi compresi) d'abruzzo, può darsi che anche questo rappresenti l'ulteriore metodo per rimpinguare le proprie casse, del resto al peggio non c'è mai fine...bah...

da Varsavia62

Tra loro la differenza e' di 733 km passando dalla E 45.. laugher Forza Pescara!!!

da Nuccio83

MAGARI ARRIVASSE UNO TRA MODICA, CHE È IL MIO PREFERITO, E CASERTA

da Vattene

Carissimo, io metterei a te in quarantena perenne su un isola deserta nel pacifico ...cosi non fai più danni.