Max Pincione si racconta su Pescaracalcio.com

Il neo presidente biancazzurro parla di se e delle sue ambizioni

da Redazione
4.922

Il Pescara nel suo destino sin dalla nascita. Lui il 9 giugno, il club il 10. A dividerli 26 anni. Stiamo ovviamente parlando di quello che da ieri sera è il 20esimo presidente del club biancazzurro, Massimiliano Pincione. Max per gli amici. Nato a Cugnoli in provincia di Pescara 45 anni fa, si è trasferito negli Stati Uniti con la sua famiglia nel 1974 "Una classica famiglia di paese. Tanti figli, 6 (3 fratelli e 3 sorelle), e la necessità di lasciare la propria casa e la propria terra. Ma per fortuna non ho mai perso i contatti con l'Italia". Il classico inizio da emigrante e poi pian piano l'affermazione a livello professionale "All'inizio è stata dura. Poi il lavoro e la perseveranza mi hanno aiutato ad affermarmi. Il mio lavoro? E' nato un po' per caso, ma la grande passione che avevo mi ha aiutato a migliorarmi". Ad inizio anno il colpo di fulmine: entra nella Pescara 70 che sta acquistando il Pescara Calcio "Sono sempre stato tifoso del Pescara e ne ho sempre seguito le vicende che putroppo, nelle ultime stagioni, lo hanno sempre visto in bilico. A me piacciono le sfide e quando ho capito che finalmente si stavano schiudendo le porte del club non ho esitato un solo minuto ed ho dato da subito la mia disponibilità. Per me il Pescara era e resta il sogno che ho avuto sin da bambino. Se mi avessero proposto di acquistare il Milan o la Juve non lo avrei fatto perchè nutro autentica passione solo verso i colori della mia prima adolescenza. Sia ben chiaro che non sono un lucratore, il mio unico intento per il Pescara è quello di fare qualcosa di positivo". La nomina a Presidente del sodalizio è stata un po' troppo movimentata. Difficile che l'avesse immaginata così "In effetti non ho potuto godere di quel momento per tutte le vicissitudini che l'hanno preceduto. Negli ultimi giorni avevo la sensazione di essere in guerra. Per fortuna ora mi sento sollevato". A causa delle varie polemiche che si sono succedute su giornali e siti internet negli ultimi giorni, l'aspetto programmatico è passato in secondo piano, quasi che il core business del Pescara non fosse il calcio giocato ma altro. Vogliamo fare un po' di chiarezza? "Per prima cosa vorrei con tutto me stesso che la squadra riuscisse a salvarsi quest'anno. Questo ci permetterebbe di agire con almeno un anno di anticipo su quelle che sono le nostre idee e i nostri programmi. Dunque la salvezza è la priorità e faremo di tutto per raggiungerla. Se ci riuscissimo vorrei mettere da subito la squadra nelle condizioni di fare qualcosa di più grande. Sia ben chiaro: non mi piace che si facciano illazioni sul mio conto. Io so quel che ho e cosa posso fare e nella mia vita, come nella mia carriera, non mi sono mai messo nelle condizioni di farmi male o far male a chi mi è vicino. Dunque che stiano tutti tranquilli, non saranno fatti passi più lunghi della gamba e tutto ciò che sarà detto è perchè si è nelle possibilità di raggiungerlo". Per ambire a traguardi ambiziosi c'è certamente bisogno di potenziare la struttura nel suo insieme "Purtroppo adesso non siamo nelle condizioni di poter apportare miglioramenti alla squadra. Ma certamente sin dalle prossime settimane cercheremo di crescere dal punto di vista aziendale e dell'immagine del club. Noi abbiamo bisogno di avere un riscontro della nostra forza anche a livello internazionale". Il discorso, poi, scivola sullo stadio "Le condizioni attuali dello stadio Adriatico penalizzano il Pescara. Tra le priorità c'è quella di parlare con l'Amministrazione Comunale e verificare se esistono i presupposti di un restyling funzionale. Ricordo che vidi nel 1984 una partita allo stadio e allora era messo meglio rispetto ad oggi". Che Presidente sarà Max Pincione? "Mi piace raggiungere gli obiettivi che mi pongo, anche a costo di non essere politically correct. Desidero la massima chiarezza e mi piacerebbe che per me parlassero i fatti. Se dico che voglio andare in serie A col Pescara, non lo faccio per compiacere ma perchè è un mio vero obiettivo". Ci saranno problemi a gestire il club oltre oceano? "E perchè mai? Avrò un collaboratore fidato che mi rappresentarà a Pescara, ma per me questo non è assolutamente un problema perchè la maggior parte del mio business in Medio Oriente lo gestisco da New York. Mi rendo conto che è diversa la mentalità tra statnitensi ed italiani. Qui si fa fatica a concepire un viaggio in macchina da Pescara a Milano. Per me è normale arrivare a Roma prendendo il primo aereo da New York. Se uno dei problemi è questo, posso assicurare che sarò a Pescara più spesso di quello che si può pensare". Il Nord America e l'Australia sono abitate da tantissimi abruzzesi. C'è la possibilità di far avvicinare la squadra a questi tifosi così distanti dalla propria terra d'origine? "E' nei piani quello di esportare il Pescara nel mondo. Ma non corriamo troppo. Ora salviamoci, strutturiamoci, miglioriamoci e poi potremo dire la nostra con orgoglio".

Commenti
13

Legenda utenti: Amministratore | Community | Ospite | Semplice

Inserisci il tuo commento

Devi aver effettuato l'accesso prima di poter commentare,

Condizioni di utilizzo Non sei registrato?

da F77

cussu' mi sa che non si rende conto dei costi del calcio....ma perche' queste uscite sul comprare la juve o il milan ecc.? qualcuno che lo informi che al milan o all'inter con 2 milioni di euro ci falciano il campo il sabato mattina

da Milano

in effetti concordo solo sullo stadio che fa schifo! sul fatto del viaggio milano-pescara c'e' chi lo fa e chi ha fatto milano-benevento milano-bari etc etc in america si usano di più gli aerei ma questo cosa c'entra? per quanto riguarda il comprare il milan o la juve forse non sa gli ingaggi di del piero , trezeguet , ronaldo e compagnia bella che sono anche più alti dei 2milioni di euro versati da 10 persone in 3 mesi! il pescara a livello internazionale lasciamo stare dai pensiamo alle cose serie! a non indebolire le motivazioni della squadra secondo me già indebolite dal casino successo

da acprincipe

non si può ancora chiamare presidnete Pincione, poichè non ha ancora fatto nulla, invece lui si può chiamare PRESIDENTE IL GRANDE ANGELO RENZETTI.

da alsaud

vostro principe avere iniziato colletta per pagare stipendi calciatori...... senno` succedere come con verona....... cry perche` voi non fare donazioni?? pss pssPrincipe essere molto +bello di vostro presidente.........

da alsaud

vostro principe avere iniziato colletta per pagare stipendi calciatori...... senno` succedere come con verona....... cry perche` voi non fare donazioni?? pss pssPrincipe essere molto +bello di vostro presidente.........

da TATANKA

SI IN QUELLA DI NEW YORK..SCUSASSERO!! per l'errata corrige eyed eyed

da stefano69

lo vado ripetendo da giorni mi sa che ci divertiremo

da Ndokojo Kojo

Presidente: .....quoto in pieno!!!!

da F.Torres

Presidè invece di fare un "restyling" allo stadio non e meglio grazie all'appoggio di un paio di grandi sponsor"mediorientali"di rifarlo nuovo lo stadio??? stile "emirates stadium" dell'arsenal?? i terreni ci sono! e cmq preside il pescara e una piazza da coppa uefa se non da champions!

da F.Torres

presidente ma dov'e l'arabo????

da Max11

A parte l'Adriatico vorrei ricordare la carenza cronica di un centro sportivo .. sia per la prima squadra che per il settore giovanile .

da ALESSANDRO

TUTTO MOLTO BELLO

da TifoSoloIlPescara

mi spiace per Renzetti ma lui mi piace.....spero di non sbagliarmi