Ripresa della preparazione: fermo Romito

Prima della sessione, il Ds Gentile ha tenuto a rapporto per circa un quarto d'ora squadra e staff tecnico.

da Donato Giampietro
1.949
Ripresa della preparazione: fermo Romito, foto 1 Ripresa della preparazione: fermo Romito, foto 2 Ripresa della preparazione: fermo Romito, foto 3 Ripresa della preparazione: fermo Romito, foto 4

Ripresa del lavoro settimanale al centro "Vestina" di Montesilvano.
Prima della sessione, il Ds Gentile ha tenuto a rapporto per circa un quarto d'ora squadra e staff tecnico.
Mister Lerda ha diviso la truppa in due gruppi per simulazione di azioni offensive e difensive. In chiusura partitella a ranghi misti.
Presenti tra gli altri Ebagua, Falomi e Turchi che hanno svolto il loro primo allenamento in biancazzurro.
Ancora indisponibile Fortunato che ha lavorato a parte, Velardi e Romito sono rimasti a riposo. Il Primo per influenza, il secondo per un risentimento muscolare.

Commenti
32

Legenda utenti: Amministratore | Community | Ospite | Semplice

Inserisci il tuo commento

Devi aver effettuato l'accesso prima di poter commentare,

Condizioni di utilizzo Non sei registrato?

da mixerbk

Sull'inamovibilità di Dettori siamo tutti d'accordo e penso che la prossima stagione con lui ci sarà davvero da divertirsi. Sul posto fisso da titolare a Caracciolo ho i miei forti dubbi, in fin dei conti ha evidenti limiti tecnici che cerca di mascherare con impegno e corsa ma alla lunga si vede che litiga con la palla anche quando gli riesce qualche dribbling. Purtroppo in questo sport puoi correre quanto vuoi ma se hai 2 ferri da stiro invece dei piedi c'è poco da fare. Lo stesso Gattuso che correva solamente con il passare degli anni è migliorato anche tecnicamente.

da spox

SEGNALAZIONE: Sono state fatte delle modifiche allo script per l'apertura delle popup delle notizie?? Con firefox viene una finestrella lunga e stretta.. impossibile da leggere! E' da oggi che c'è questo problema.

da biancazzurro_

caracciolo e dettori titolari a centrocampo PUNTO!!!!!!! gli altri che si accomodassero in panchina o in tribuna!!!!!

da IL PESCARA E BASTA

PER OLIVIERI RAUS: IO HO FORNITO LE NOTIZIE UFFICIALI. PER QUANTO RIGUARDA IL FATTO DI CHIEDERLO ALLA SOCIETA' MI RIPROMETTO DI FARLO SE, COME PIU' VOLTE PROMESSO, IL DS GENTILE ACCETTERA' L'INVITO ALLA NOSTRA TRASMISSIONE DI GIOVEDI "SPORTIVAMENTE". PERALTRO IN CASO DI INDISPONIBILITA' DI GENTILE ABBIAMO CHIESTO VENGA IL DG FERRARI O IL PRESIDENTE SOGLIA. ASPETTIAMO E NE SAPREMO DI PIU'. TI SALUTO E FORZA PESCARA E BASTA!

da OLIVIERI RAUS

x Tatanka: non fare il pollo. Se contrattualizzavano il giocatore e lo cedevano al Cepagatti gli veniva pagato qualcosa....altro che liquidare con 15.000 euro. Quindi NERO era e NERO RIMANE. Ma questa domanda "scomoda" a Soglia e Gentile non la fa nessuno. Perchè non glielo chiedi tu William? Il fatto che la società non credesse nel ragazzo non giustifica la rescissione cioè la perdita volontaria di un capitale sociale seppur considerato piccolo (ma era davvero talmente irrisorio?). Questa e altre cose (mercato sotto tono, dietrofront nell'impegno economico, differenza tra dichiarazioni e realtà di Gennaio, fanno emergere qualche perplessità sulla gestione dei Soglia, che hanno (verissimo) investito tanto sul Pescara salvandolo dal tracollo, ma che nonostante le dichiarazioni di reinvestimento, di politica giovanile, di sviluppo di risorse interne e non altrui, oggi si stanno comportando in maniera opposta a quanto precedentemente PROMESSO ed ostentato. Di fatto sono rientrati in prospettiva di una buona parte del capitale investito e il mercato riparla "all'antica" la lingua dei prestiti. La "paura" è quella di un ipotetico disimpegno futuro. (è cambiato qualcosa nel progetto di business che accompagnava quello sportivo???). I prossimi mesi ci sveleranno se queste sono solo aride supposizioni da bar dello sport o se le preoccupazioni dei tifosi rappresentate dalla tiratina d'orecchie con lo striscione esposto dalla curva Nord M.Mazza, rappresentano una spiacevole realtà.

da finoallamorte

CACCIATE LE PALLE!TUTTI AD ANCONA E POI OCCHIO AI TARANTINI....

da sensounicoA

MI SAPETE DIRE SE CI SONO ANCHE QUELLI CHE VANNO IN MACCHINA ? E DOVE HANNO INTENZIONE DI PASSARE? DA QUANDO C'E' L 'IKEA QUALCOSA E' CAMBIATO, MA LO STADIO E' LO STESSO. TUTTI AD ANCONA E BASTA!

da BLUFF

FINOALLAMORTE FORSE HO CAPITO A COSA TI RIFERISCI... IO VENGO MA SENZA BIGLIETTO.

da fdb.75

Presente ad ancona....bisognava dirlo? Prigioniero di una fede. Ciao a tutti uagliù.

da gubbio73

sera al popolo.... hiss.... x uno a caso....nn smette di segnare mi hanno detto... laugher eyed

da finoallamorte

tanto per farmi un'idea ...mi dite che di voi ci viene ad ANCONA?

da finoallamorte

tanto per farmi un'idea ...mi dite che di voi ci viene ad ANCONA?

da pesciarolo

SI SPENGONO LE LUCI, SE NE VANNO I FIGURANTI, RIMANIAMO SOLO NOIIIIIII hiss hiss cry cry cry cry cry PESCARACUMMNA E POCHI ALTRI PURTROPPO SANNO TUTTO. cry cry

da TATANKA

ottimo...finalmente....avete capito?? ceduto perchè era una PRECOCA!!! altro che accordi in nero pizzaonhead pizzaonhead pizzaonhead

da IL PESCARA E BASTA

PER TUTTI GLI AMICI CHE CHIEDEVANO LUMI SU NICO DE LUCIA: A GENNAIO DEL 2005 IL PRESIDENTE PATERNA LASCIA LA SAMB E PORTA A PESCARA NICO DE LUCIA, MARTINI, PEPE E ALTRI DUE GIOCATORI DI CUI NON RICORDO IL NOME. DE LUCIA A FINE GIUGNO 2005 OTTIENE UN CONTRATTO TRIENNALE DI 30 MILA EURO E VIENE DATO IN PRESTITO AL MANFREDONIA DI FABIO LUPO. L'ANNO SUCCESSIVO SI TRASFERISCE AL MELFI E, A GENNAIO, PASSA AL CUNEO. A FINE CAMPIONATO A GIUGNO DEL 2007 RITORNA A FAR PARTE DELL' ORGANICO DEL PESCARA. L’ATTUALE SOCIETA', PROBABILMENTE, NON HA CREDUTO AL VENTIQUATTRENNE GIOCATORE E HA RESCISSO IL CONTRATTO LIQUIDANDOLO, PARE, CON 15 MILA EURO. DE LUCIA SI E’ ACCASATO COL MESSINA CHE LO HA CEDUTO, IN PRESTITO SECCO, AL MARTINA.

da tacchi

A proposito di fascia: è stato evidente sin dall’inizio che Melara della Massese era stato messo sulla destra da mister Giannini con il compito di tenere Rizzato ancorato in difesa e evitare le sue sgroppate sulla sinistra. Gli allenatori avversari ormai conoscono a menadito l’Ancona e stanno prendendo le adeguate contromisure. Continueremo a ribadire fino alla noia che Rizzato è sprecato in quel ruolo e che il suo contributo in fase offensiva potrebbe essere molto più importante se spostato di una ventina di metri più avanti. Ma ormai è una vecchia polemica e forse anche abbastanza inutile visto che Monaco “vede” Rizzato come difensore. Fatto sta che ogni tanto bisognerebbe cambiare il canovaccio altrimenti si rischia di diventare prevedibili. E si pareggia. L’Ancona non ha infatti avuto la possibilità di brindare alla vittoria in questo 2008 e non possiamo neanche più consolarci con il fatto che anche le concorrenti stentano. L’ultima domenica è stata un mezzo disastro per i dorici che dal secondo posto si sono trovati catapultati al quarto assieme alla Lucchese. Basta un’altra distrazione e i biancorossi si potrebbero trovare fuori dai playoff. Per questo servirebbe una scossa. L’Ancona fa sul serio o no? Nel clan biancorosso c’è la convinzione di arrivare ai playoff per poter giocarsi alla morte la serie B? Bene, se la risposta come immaginiamo è positiva, non si potrà fare a meno di rompere il digiuno di vittorie e battere il Pescara nel derby. A questo punto serve una vittoria per rimettere la barra a dritta, in caso contrario si rischia di naufragare nell’anonimato e sarebbe un peccato visto il brillante inizio di stagione e viste anche le potenzialità della squadra che è stata notevolmente rafforzata al mercato con l’arrivo di molti giocatori importanti. Oggi anche Anaclerio, Piccoli e Kalambay si aggregheranno alla squadra. A Monaco il compito di plasmare vecchi e nuovi. In fretta possibilmente. Anche perchè adesso anche il mister è in discussione. In società stanno valutando, ma prima c’è la partita col Pescara... GUIDO MONTANARI,

da femy*

almeno i nuovi arrivati sorridono un pò nelle foto del sitoahah

da alex b

Caracciolo e Dettori sempre in campo

da tacchi

“Con il Pescara un cambio di mentalità” ANCONA – Il pari con la Massese, ultimo di una serie di risultati non esaltanti, non è andato giù alla tifoseria e ha sollevato una serie di critiche, soprattutto all’indirizzo di mister Monaco. A questo proposito si è fatto sentire ieri il presidente Sergio Schiavoni. “Invito tutti a non drammatizzare – ha detto il numero uno dell’Ancona - Ho sentito troppe critiche pretestuose ed esagerate. Se Nassi avesse segnato il secondo gol staremmo a parlare di un successo. Chiedo pertanto ai tifosi di avere pazienza, le critiche in questo momento contribuiscono solo a incrementare la tensione”. Il presidente allo stesso tempo non nega di essere preoccupato: “Certo, perché da mesi non assistiamo ad una partita convincente fino alla fine. Domenica durante il viaggio di ritorno abbiamo pensato a come risolvere i problemi. Credo che le colpe non siano dell’allenatore: Monaco ha ancora in mano lo spogliatoio, se la squadra se non scende in campo determinata come le altre sono i giocatori a doverne rispondere. Mi aspetto un cambio di mentalità, anche in vista di una gara così importante e sentita come il derby con il Pescara. So che Marcaccio ha intenzione di trasferirsi ad Ancona per stare vicino alla squadra in questo periodo e ne sono contento, perché può dare un’iniezione di fiducia al gruppo. Monaco ha la nostra piena fiducia. Non so dare un giudizio sull’impostazione tattica della squadra, ma se il tecnico ha compiuto degli errori può rivedere certe condizioni e migliorare. L’importante è che continui a lavorare con tranquillità. Anche se con il Pescara dovesse andare male l’allenatore rimarrebbe al suo posto”. DANIELE SPINA,

da Piero Torino

Cavolo...quanta gente al campo...anche per la partitella d'allenamento Lerda dovrà lasciare in panca na decina di giocatori.......bella situazione boo

da pesciarolo

AVANTI "BENEFATTORI" horny horny ELEZIONI AD APRILE. POI SI SPENGONO LE LUCI E SI TORNA AL BUIO. hiss hiss pizzaonhead pizzaonhead

da pesciarolo

DE LUCIA DOVE SEI? pizzaonhead pizzaonhead pizzaonhead cry cry

da carpe

L'unica verità sugli scontri di domenica in Verona-Cavese 05/02/2008 - di cavese presente ; Continuo a leggere e ascoltare tante falsità (come sempre avviene quando si parla di scontri con le "forze dell'ordine"). Questa che segue è la sola verità sugli scontri di Verona-Cavese di domenica scorsa: Arriviamo nei pressi del Bentegodi dove troviamo il cosiddetto servizio d'ordine che si prepara ad effettuare i dovuti controlli;subito si capisce (anche gli accompagnatori della Cavese ce lo confermano) che tira una brutta aria e che le "forze dell'ordine" non hanno intenzione di far filare tutto liscio. Il nocciolo della questione è che su circa 400 persone giunte a Verona ce n'erano una decina senza biglietto e una cinquantina in possesso di un biglietto per un altro settore -tra l'altro più caro di quello del settore ospiti (la maggior parte di questi proveniva dal nord italia e quindi ha acquistato ai botteghini locali i biglietti per le poltroncine), o di biglietti con altri nominativi (alcune persone provenienti dal nord, appunto, hanno chiesto di acquistare il tagliando a qualche parente di cava, che ha inserito il proprio nominativo; al controllo naturalmente non concordavano i due nominativi). Chi aveva il "biglietto in regola" è entrato, sono rimaste fuori 60-70 persone (vi assicuro che almeno la metà erano famiglie con donne e figli) che dopo mezzora di tentativi invani di entrare si sono visti chiudere il cancello d'ingresso in faccia. Non erano permesso neanche uscire dall'antistadio! Ad un certo punto qualcuno ha perso la pazienza e ha cominciato a dare delle manate su un cancelletto vicino al cancello d'ingresso del settore:ecco che all'improvviso, da un altro ingresso che sbucava lateralmente, arrivano i poliziotti che non aspettavano altro... manganellate e gas urticanti (è stato detto che i gas li avevano i cavesi). Ecco i primi contusi: qualcuno quasi accecato da questi gas spruzzati in volto, qualcuno con la testa rotta... Quando gli altri che erano sistemati nel settore si accorgono di ciò, scendono immediatamente giù e comincia una colluttazione con i poliziotti, già pronti a questa mossa, che termina con i primi 5 arresti. Seguono attimi di paura perchè carabinieri e poliziotti indossano le maschere antigas e sembrano prepararsi ad un'altra carica. La situazione però si calma. Ormai i poliziotti aspettano solamente che finisca la partita per poter guardare i filmati e arrestare altre 3 persone e denunciarne altre 5. E IL GIOCO è FATTO! Se è vero che una sessantina di persone non era al 100% in regola con il tagliando d'ingresso (ripeto che solo una decina non avevano il biglietto ma volevano fortemente acquistarlo per poter vedere la partita,dopo tanti KM...), è anche vero che le forze dell'ordine non hanno fatto nulla per evitare questi scontri, con delle inutili e irritanti provocazioni ai tifosi ospiti e con un atteggiamento esclusivamente aggressivo e prevenuto. I signori che dovrebbero gestire l'ordine pubblico sanno bene che tante situazioni si potrebbero risolvere con un po' di maturità e "comprensione" in più ma evidentemente oggi l'UNICO OBIETTIVO è QUELLO DI ELIMINARE IL FENOMENO ULTRAS IN ITALIA, A QUALSIASI COSTO... E PURTROPPO CI STANNO RIUSCENDO. Ultras, no alle mode!

da carpe

FIORENTINA-MILAN: DASPO PER TRE TIFOSI ROSSONERI 05/02/2008 - di Repubblica .it; Fonte: www.repubblica.it Cinque tifosi del Milan sono stati fermati ieri a Firenze per l'accensione di fumogeni e petardi sugli spalti dello stadio 'Artemio Franchi'. In seguito ad accertamenti è scattato per tre di loro il Daspo. I tifosi sono stati riconosciuti dalle forze dell'ordine attraverso i tabulati dei nominativi relativi ai posti assegnati e, soprattutto, le riprese video e le fotografie scattate all'interno dello stadio e le testimonianze degli steward.

da randagio

AVANTISOGLIA

da randagio

Lerda non rompere piùi coglioni. Caracciolo titolare fisso a centrocampo. E nsi tosch.

da cimist

centrocampo: caracciolo dettori

da fdb.75

SANSOVINI SINDACO DI PESCARA! SANSO DOMENICA SFONDA QUELLA CAZZO DI RETE E VIENE AD ESULTARE SOTTO DI NOI! RAGAZZI, REGALATECI LA VITTORIA SUL CAMPO, SUGLI SPALTI CI PENSEREMO NOI! VOGLIAMO 11 LEONI CHE TUTTI UNITI VOGLIONO LA VITTORIA! LOTTATE ALLA MORTE SU OGNI PALLONE , SBANCHIAMO ancona E CONTINUIAMO A CORRERE CAZZO! NON E' ANCORA FINITA PORCA PUTTANA! AVANTI ULTRAS FINO ALLA FINE! PESCARA, STILE DI VITA! ANCONA STIAMO ARRIVANDO...

da femy*

Lerda: "Chiedo buon senso ai giocatori" Il tecnico del Pescara oggi ha parlato alla squadra facendo presente che la rosa è composta da 32 elementi e che le partite rimaste sono solamente 12 ------------------------------
------------------------------
-------------------- PESCARA - Franco Lerda è piombato nella difficile quanto ambiziosa piazza di Pescara solo dopo aver vinto da allenatore un campionato di serie D. E il tecnico biancazzurro, come nell’assoluta naturalezza delle cose, sta ancora pagando lo scotto di questo sostanzioso salto di categoria. Attualmente si trova a gestire una rosa ampia composta da 32 elementi che, e anche questo è certo, reclameranno uno spazio da quì fino alla fine del campionato. Alla chiusura della stagione, salvo play off e play out, mancano 12 partite e, per questo motivo, potrebbe essere facile fare dei conti che puntualmente non tornerebbero. Mister, come pensa di gestire i professionisti a sua disposizione da quì fino alla fine del campionato? “Ho parlato proprio oggi con la squadra - ha dichiarato mister Lerda al termine dell’allenamento di ieri pomeriggio - e ho detto chiaramente ai ragazzi che qualcuno potrebbe anche non trovare molto spazio. Ho 32 giocatori in rosa e solamente 12 partite: è evidente che non tutti avranno la stessa possibilità di esprimersi. Tuttavia, ho chiesto buon senso a tutti e soprattutto a quelli che potrebbero sentirsi messi in diparte”. Chiaro il riferimento al caso che vide protagonista in negativo il difensore Cristian Conti prima della partita di San Benedetto e attualmente lasciato partire in direzione Perugia. Domenica si torna in campo con l’intento di far dimenticare la deludente partita interna contro la Juve Stabia: “Veniamo da prestazioni esterne non esaltanti e vogliamo rifarci. Ma ad Ancona - dice Lerda - sarà una partita difficile sia per il valore dell’avversario, sia perché è considerata come un derby”. Pensa di sfruttare i nuovi arrivati? “Qualcuno certamente verrà impiegato, ma sarà difficile vederli tutti insieme proprio in questa partita”. Crede che a centrocampo possano coesistere Dettori e Cardinale? “Credo che i due possano giocare insieme senza pestarsi i piedi, ma allo stesso tempo sarà il campo a dirlo. Il campo sarà l’unico ‘giustiziere’!”

da SpiritoGuerriero

co dio..NOOOOOOOO...Tomma' nin facem scherzi !

da nzipass

Tommà non scherziamo! noo

da 1956

primo?