Le interviste del dopo match

Parlano i due tecnici Sarri e Iachini

da Roberto Florindi
333

Mr. Sarri:
il primo ad arrivare in sala stampa è il tecnico bianco azzurro; sicuramente raggiante in viso, Sarri mostra una profonda sicurezza nell’esprimere un concetto basilare. “oggi – attacca il mister – abbiamo incontrato sicuramente la formazione più in forma del campionato. Il Piacenza, se continuerà a giocare con l’intensità e qualità mostrata nella partita odierna, secondo me, non avrà la minima difficoltà a raggiungere i play-off. Per quanto ci riguarda – prosegue il tecnico – non credo che di positivo ci sia solo il risultato; sicuramente gli emiliani, ai punti, avrebbero meritato i 3 punti se non altro per le limpide occasioni da gol create. Ciò nonostante, soprattutto nel secondo tempo, credo che il Pescara se la sia giocata fino in fondo, a viso aperto, cercando di ripartire tutte le volte che se ne intravedeva la possibilità, talvolta creando anche qualche situazione importante. Questo è comunque – conclude Sarri – un paradosso del calcio; nel primo tempo si è giocato mediocremente ed il Piacenza non ha costruito nulla o quasi, nella seconda frazione di gioco dove il Pescara è stato più intraprendente, Loro hanno creato clamorose occasioni da rete”
A chi invece, fa notare lo scarso affiatamento in avanti della coppia Cammarata-Matteini, il tecnico pescarese ribatte. “è normale che adattare un attaccante, ad un ruolo più da rifinitore che da prima punta è difficile. Non dimentichiamo – prosegue Sarri – che i due ragazzi non giocavano insieme dall’inizio del campionato ed è normale che l’intesa va ricercata”
Mister, abbiamo visto Croce un pochino sottotono quest’oggi. “è vero – ci dice Sarri – oggi il ragazzo è stato purtroppo bloccato psicologicamente da un colpo ricevuto sulla spalla maledetta, dopo pochissimi secondi di gioco. Questa situazione ha frenato Croce che non è stato sicuramente all’altezza delle sue giornate migliori ed è per questo che ad inizio ripresa ho pensato di toglierlo dalla mischia”
Poi il tecnico ci parla del rigore concesso, secondo noi, molto generosamente alla compagine piacentina. “l’ho vista dal basso ma francamente non mi sembrava calcio di rigore. Un’attimo prima – spiega il tecnico – per un contatto simile, ma a parti invertite, sia pur in una zona neutra del campo, il direttore di gara ha lasciato correre, usando quindi parametri di valutazione diversi”
L’intervista al tecnico abruzzese si chiude con una domanda doverosa, sul suo ex allievo Stamilla. “il ragazzo è un calciatore di grande qualità; è completo, tecnico, veloce, ed ha sicuramente una buona gamba sia per offendere che difendere sulla sua fascia di competenza”
A gennaio si potrebbe fare uno sforzo per portarlo in riva all’adriatico?
“non credo – ci confessa Sarri – e poi, chiediamolo subito a Inchini, che sta arrivando”. Mentre il mister bianco rosso prende posto, si lascia scappare “hai giustamente detto tu; non credo che il Piacenza si lascerà sfuggire questo giovane promettente, tanto meno a gennaio”
Speriamo che comunque il Pescara possa fare un tentativo.

Mr. Inchini:
“oggi è stata una giornata veramente storta per quanto riguarda il risultato. Non ho niente da rimproverare ai ragazzi invece – continua il tecnico – per quanto riguarda impegno e qualità mostrata durante tutti i 95 minuti di gioco. Abbiamo creato molto ed a tratti, anche messo in difficoltà il pur ottimo Pescara che non scordiamoci sta attraversando un bel periodo proprio come noi. Da questa prestazione – spiega Inchini – dobbiamo prendere spunto per continuare a lavorare duro, con umiltà ed impegno costante. Il mio unico appunto, dove cercheremo di mettere maggiore attenzione, sono le palle inattive in situazione difensiva dove, spesso, il Pescara ci ha messo in enorme difficoltà pur sapendo già da prima del match che gli abruzzesi ci avrebbero fatto soffrire in queste situazioni”
Un'ultima curiosità la chiediamo nei confronti dell'ex più seguito, Marco Stella
"Marco - ci confida Iachini - è un ragazzo molto intelligente e soprattutto un jolly indispensabile per il nostro scacchiere. Può fare tutti i ruoli del mondo ed anche in mezzo al campo, in coppia con Riccio, mi è piaciuto molto; ripeto oggi ci è mancato solo il gol"

Commenti
8

Legenda utenti: Amministratore | Community | Ospite | Semplice

Inserisci il tuo commento

Devi aver effettuato l'accesso prima di poter commentare,

Condizioni di utilizzo Non sei registrato?

da chieti sfortunato

chieti napoli 1-2 laugher laugher

da pcciacc

hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss, siamo stati veramente fortunati. Comunque prendere un punto a Piacenza è un ottimo risultato. FORZA PESCARA

da VELLUCCI STAI ATTENTO!!!!!!!

STASERA X L\'ENNESIMA VOLTA HO INCONTRATO VELLUCCI A CORSO MANTHONE\' IN COMPAGNIA DI AMICI A FUMARE E A BERE!!!!!!!!CUSSU\' GIA\' L\'HO DETTO L\'ALTRA VOLTA CHE MI STA SULLE PALLE, è NU GASATELL DI MERDA E SA DA STA ATTENT!!!!!!!!!

da VELLUCCI STAI ATTENTO!!!!!!!

STASERA X L'ENNESIMA VOLTA HO INCONTRATO VELLUCCI A CORSO MANTHONE' IN COMPAGNIA DI AMICI A FUMARE E A BERE!!!!!!!!CUSSU' GIA' L'HO DETTO L'ALTRA VOLTA CHE MI STA SULLE PALLE, è NU GASATELL DI MERDA E SA DA STA ATTENT!!!!!!!!!

da LI MURT'DI MAMMETE!

piacenza - È nato in Abruzzo, ha la famiglia a Cappelle sul Tavo a due passi da Pescara e domenica - con il suo Piacenza - Marco Stella affronterà la squadra per la quale tifano tutti i suoi amici. Una giornata particolare, una partita tutta speciale: «Voglio dare un bel dispiacere a tutti i pescaresi, perché a Piacenza sto finalmente vivendo una bella stagione».

da GRAN TIFO!

ONORE AI PESCARESI PRESENTI SULLE GRADINATE DEL DESOLATO GARILLI HANNO FATTO UN PUTIFERIO PER TUTTA LA PARTITA.. GRANDISSIMI! SIETE L'ORGOGLIO DI UNA CITTà DI FINTI BORGHESI POVERACCI

da CHE CULO

OGGI ABBIAMO AVUTO PROPRIO UN BEL CULO..COME QUELLO DI KEYRA AGUSTINA

da lalalalalalalalalalalalala

lalalalalalalalalala hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss hiss